"A Torre Annunziata ci sono due cose: la Madonna della Neve e il Savoia. La città ha bisogno di voi". Con queste parole Monsignor Raffaele Russo ha salutato i bianchi, che hanno fatto visita alla Basilica dopo le polemiche per la processione del 22 ottobre. Calciatori e dirigenti al gran completo (mancava solo il presidente Arnaldo Todisco), con Teore Grimaldi in testa al gruppo, hanno iniziato il loro personale pellegrinaggio attorno alle 17,40 dallo stadio Giraud. Poi una lunga 'passeggiata' lungo tutto il corso fino all'arrivo in piazza Giovanni XXIII.

Poi l'ingresso in chiesa e l'accoglienza di Monsignor Russo, che ha spiegato tutta la storia del ritrovamento della Madonna della Neve. Il discorso si è concluso con un forte applauso. Dopo le foto di rito Giuseppe Onda, torrese cresciuto nella parrocchia, ha posato un mazzo di fiori (offerto dall'assessore allo sport Jolanda Russo) dinanzi alla Vergine Bruna, con il successivo passaggio di tutti i presenti.

Con la benedizione della Madonna della Neve il Savoia adesso spera in un futuro sempre più roseo.

vai alle foto

Domani Savoia dalla Madonna

Il caso Savoia