'Vedi come devi fare la fine di tua sorella…fai molta attenzione'. Questa la minaccia che ha ricevuto via social il senatore Sandro Ruotolo, candidato alla Camera nel collegio uninomale di Torre del Greco. A denunciarlo è lui stesso con un post pubblicato su Facebook.

"Il riferimento è a mia cugina, Silvia Ruotolo, una delle tante, troppe vittime innocenti uccise dalla camorra. Lo sapevo che prima o poi si sarebbero fatti sentire. Mi sono candidato nel collegio uninominale della Camera di Torre del Greco, territori difficili dove a distanza di cento giorni sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose due Consigli Comunali quello di Castellammare e Torre Annunziata. Oggi, a quattro giorni dal voto, evidentemente ci sono ambienti, personaggi che sono infastiditi dal fatto che in questa campagna elettorale continuo a parlare e denunciare la camorra. Questa minaccia via web, l'ho vissuta come se fosse stato un pugno nello stomaco. Io, come sempre, nonostante le minacce, mi sento un uomo libero. E non tacerò".

Ancora non è chiaro chi sia stato a scrivere il messaggio minatorio. La minaccia arriva a pochi giorni dal voto e cela un significato inquietante: il lavoro svolto da Ruotolo infastidisce la parte malata dei comuni vesuviani, interessata a realizzare i propri scopi criminali sul territorio. La disavventura non ha scoraggiato l'ex senatore che guarda ai prossimi obiettivi senza lasciarsi intomorire da chi teme giustizia e legalità.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"