Scappavano dai carabinieri perché il conducente era senza patente. Sono emersi dettagli sull’inseguimento avvenuto ieri sera tra Torre Annunziata e Castellammare.

Ben tre sono stati gli arresti effettuati dai carabinieri della sezione radiomobile torrese. In manette sono finiti Luigi Vitiello, 38enne di Boscoreale, Carmine Zavota 40enne di Boscoreale, e Pasquale Giugliano 37enne di Pompei. Tutti sono già noti alle forze dell’ordine e inoltre sono stati accusati di resistenza a pubblico ufficiale.

Nel corso della serata di ieri, i tre erano a bordo di una Fiat Uno in Largo Genzano. Alla guida c’era Pasquale Giugliano. I carabinieri hanno intimato l’alt, ma la vettura ha ingranato la marcia e ha provato a fuggire.

Ne è nato così un inseguimento durato 10 km, che si è concluso a Castellammare di Stabia, quando la Fiat Uno si è schiantata contro il muro di un garage in via Rajola.

Anche durante il soccorso che gli è stato prestato, prima di finire in manette, i 3 hanno continuato ad insultare e minacciare i carabinieri. Successivamente si è scoperto che il motivo della fuga era la patente che era stata revocata a Giugliano.

L’arresto, dopo il rito direttissimo, è stato convalidato per tutti e tre. In carcere sono finiti Giugliano e Zavota, mentre Vitiello è stato sottoposto ai domiciliari.

Il caso