Era in licenza premio dal carcere. Ha partecipato a una rapina in banca compiuta in provincia di Milano. In circa 20 giorni i carabinieri sono arrivati sulle sue tracce e l’hanno arrestato.

Si tratta di U.G., un 46enne di Torre del Greco, ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata in concorso.

L’uomo, già noto alle forze dell’Ordine, è stato individuato come il terzo complice della rapina commessa il 12 novembre scorso ai danni di un istituto bancario di Motta Visconti. Gli altri due rapinatori furono arrestati in flagranza di reato mentre provavano a darsi alla fuga.

A seguito di perquisizione locale all’interno dell’appartamento di Torre del Greco nel quale il fuggitivo si stava nascondendo, i Carabinieri hanno ritrovato 68 detonatori a miccia, oltre a circa tremila euro in contanti. L’uomo è stato arrestato anche per detenzione illecita di materiale esplodente.

L’arrestato, che già all’atto della rapina in Motta Visconti si trovava in licenza straordinaria dal carcere di Secondigliano, è stato portato a Poggioreale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"