Un 30enne di Torre del Greco è stato arrestato ieri per il reato di combustione illecita di rifiuti. L’attività di indagine è stata coordinata dalla procura della Repubblica di Torre Annunziata, personale appartenente alla municipale di Torre del Greco, unitamente ai carabinieri della stazione Capoluogo, i quali hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale oplontino.

In inquirenti hanno accertato che il 30enne, nei pressi dell’Ecopunto sito in via Cappella degli Orefici, a bordo della propria autovettura abbandonava dei rifiuti estraendoli dal finestrino, e dopo aver lanciato dal finestrino una carata incendiata, che interessava i rifiuti depositati nei cassoni di ferro contenenti per lo più materiale plastico.

Dall’attività investigativa, corroborata dagli accertamenti tecnici dei vigili del fuoco, è emerso fin da subito che il rogo appiccato dall’indagato diffondeva un notevole quantitativo di fumo nero, con pericolo di diffusione per la vegetazione circostante.

Successivi approfondimenti investigativi hanno permesso di raccogliere vari indizi contro il 30enne, poi finito in manette.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"