Allarme incendi sul Vesuvio. Nella serata di ieri è divampato un incendio di vaste dimensioni che ha colpito la pineta di Terzigno, nel cuore del Parco Nazionale.

Immediatamente sul posto, Polizia Municipale e Vigili del Fuoco sono al lavoro per provare ad arginare le fiamme che stanno divorando ettari di fauna.

Il fumo, denso, da stamattina è chiaramente visibile a km di distanza, da come si evince nella foto. La situazione, al momento, pare abbastanza critica, a tal punto da rendere necessario l’intervento di supporto delle unità di Protezione Civile.

L'incendio è stato tenuto sotto controllo con l'intervento proprio della Sma Campania e della Forestale, con l'utilizzo di un elicottero antincendio AB 350 della Regione Campania, che ha ripreso l'attività di spegnimento questa mattina, effettuando numerosi passaggi. Alle 11 di oggi, come richiesto alla Regione, è arrivato un secondo elicottero, Sikorsky S64, attrezzato con la possibilità di caricare liquido estinguente in 45 secondi e di sversare oltre 9mila litri di acqua, inviato dall'assessorato alle Politiche Agricole della Regione per un'intensa attività antincendio al fine di spegnere tutti i focolai nei diversi punti della Pineta.

Intanto si indaga anche su alcune attendibili segnalazioni di persone avvistate nei pressi della zona degli incendi, che potrebbero aver appiccato il fuoco al sottobosco. In particolare, un potenziale piromane di mezza età è stato ben descritto agli inquirenti da vari testimoni che lo hanno visto proprio in quell'area poco prima che scattasse l'allarme incendio. 

Il sindaco di Terzigno Francesco Ranieri denuncia l'accaduto e attiva tutti i possibili canali per fermare questa violenza ambientale: “Continua l'affronto dei roghi a questo territorio – dichiara il sindaco – continueremo nella repressione contro chi delinque quotidianamente”.

Pericolo incendio anche a Capri: sempre nella serata di ieri è divampato un incendio che ha interessato diversi ettari di macchia mediterranea in una zona impervia, tra la collina del Semaforo e il costone che sovrasta il Pizzolungo a Capri. Decisivo è stato l'intervento degli elicotteri del servizio antincendio della Regione Campania che sono stati inviati sul posto dal Corpo Forestale, probabilmente impegnato anche a Terzigno.

Un presidio sarà attivo tutta la notte per scongiurare che le fiamme possano nuovamente alimentarsi a causa del vento.

vai al video