E’ in prognosi riservata. Un malore improvviso. Nessun segno di frenata sull’asfalto. Il volo che ha travolto il gazebo di un bar, fortunatamente deserto. E’ questa la dinamica che avrebbe ridotto in gravi condizioni l’uomo di 80 anni che nel pomeriggio di domenica scorsa è stato protagonista e vittima di un incidente alla rotonda di Torre Annunziata Nord.

Una dinamica incredibile e che lascia aperta la pista del malore o di un infarto appena prima dell’impatto. L’uomo, residente in via Prota, zona di confine tra Torre Annunziata e Torre del Greco, era alla guida della sua Yaris blu su via Pastore quando ha perso il controllo dell’autovettura centrando in pieno la rotonda. L’auto si è ribaltata travolgendo fioriere, gazebo e tavolini del Bar Manusa, situato proprio all’angolo della rotonda, tra Corso Umberto I e via Prota.

La struttura è stata transennata ed è stata posta sotto sequestro dall’autorità giudiziaria. Dalle immagini analizzate dalla Polizia municipale, coordinata dal tenente Antonio Virno, si nota l’uomo che, all’arrivo sulla rotonda, è chinato sul finestrino lato conducente. Ipotesi che farebbe propendere per il malore improvviso, visto l’assenza di segni riconducibili a una frenata. L’auto sarebbe andata dritta sul ciglio della rotonda, innescando poi la parabola sul gazebo del bar. L’uomo è rimasto per circa un’ora incastrato tra le lamiere dell’auto. Portato all’ospedale Cardarelli di Napoli, ha subito diverse fratture e un trauma cranico. I medici non si sono sbilanciati sulle sue condizioni. Soltanto dopo l’eventuale scioglimento della prognosi si saprà qualcosa in più sulle sue condizioni di salute.

vai alle foto

la dinamica

l'incidente