Nottata di follia all'Ospedale Santobono di Napoli. Un'infermiera è stata aggredita dai genitori di un paziente con un estintore e una bombola di ossigeno. Minacciata ripetutamente di morte, si è nascosta in uno stanzino per sfuggire alla furia della coppia. 

“Se mio figlio muore, ti uccido”, le hanno urlato più volte i genitori in preda all'ira. L'aggressione si è innescata a causa della contestazione di un farmaco prescritto al ragazzino. L'infermiera, dopo i controlli sanitari di rito, gli aveva somministrato un anti-infiammatorio compatibile con i soggetti asmatici, informando il genitore sul tipo di medicinale. Ma a questo punto è scattata la rabbia dei due in quanto, a loro giudizio, l'operato dell'infermiera avrebbe messo a rischio l’incolumità del figlio perchè non avrebbe chiesto loro se asmatico o meno.

Sul posto è arrivata la Polizia di Stato, che è riuscita non senza difficoltà a riportare la calma. 


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"