Con gli sversamenti abusivi delle ultime ore abbiamo cancellato due mesi di bellezza, non solo del fiume Sarno, ma anche del golfo di Rovigliano. E’ ora di denunciare e condannare. Conosciamo tutti i responsabili, è il fiume stesso che lo dice”.

E’ il grido di dolore di Franco Matrone, referente campano di Zero Waste Italia, dopo l’ennesimo sversamento di liquami nel fiume Sarno.

Con le restrizioni dovute al coronavirus, il fiume è stato parzialmente restituito alla sua naturale bellezza. Acque meno inquinate, limpide in alcuni tratti. Due mesi di lockdown spazzati via dagli ultimi sversamenti abusivi.

“Abbiamo visto tutti – ha proseguito Matrone – chi dal vivo chi attraverso i social network, le immagini del fiume pulito, che non riversava più tutti quei materiali nel golfo di Rovigliano. Questo disastro ambientale deve essere fermato. E’ giunta l’ora che la politica si faccia carico dei suoi impegni e si impegni subito, perché domani potrebbe essere troppo tardi”.

vai alle foto

vai al video

la linea dura

Il campionamento

Il sopralluogo

La convocazione