Irma Testa ha preso con grande sportività l’esito dell’incontro con la filippina Petecio. L’atleta di Torre Annunziata è uscita di scena alle semifinali dei pesi piuma, portando a casa uno storico bronzo olimpico.

Eppure non era partita male, vincendo il primo round. “Non era una questione di allungo o altri colpi –ha ammesso- Non ho avuto tempo di cambiare tattica anche io. Sono stata forse stupida perché era impossibile pensare che continuasse a combattere in quel modo. Lei dopo la prima ripresa ha sorriso e era tranquilla. In fondo me l’aspettavo, ma mi ha sorpreso. E’ stata molto brava”.

Per l’azzurra è tempo di bilanci, ma anche di pensare al futuro. “Forse dovrò lavorare qualche altro anno in questo modo. Mi sono impegnata e non ho lasciato nulla al caso, magari stavolta non è bastato. In questo torneo penso di aver fatto quasi tutto in maniera perfetta. Manca ancora tanto per Parigi, ora voglio godermi questa medaglia”.

Il messaggio

Il momento toccante

Il commento

L'omaggio

A un passo dal sogno