“Una festa per l’ergastolo dell’assassino di Mamma Coraggio”. Provocazione forte da parte di don Antonio Carbone. Il parroco salesiano di Torre Annunziata ha commentato così la requisitoria del procuratore Pierpaolo Filippelli.

Ieri la pubblica accusa ha chiesto l’ergastolo per Francesco Tamarisco. Il boss è ritenuto il mandante dell’omicidio di Matilde Sorrentino. Don Antonio Carbone, che fino a qualche mese fa dirigeva la Casa Famiglia intitolata proprio a “Mamma Coraggio” ha così commentato in maniera piuttosto provocatoria.

Velato il riferimento ai festeggiamenti che avvennero dopo la scarcerazione di Francesco Cirillo, la quarta belva che partecipò all’efferato omicidio di Maurizio Cerrato il 19 aprile scorso in via IV Novembre per motivi di parcheggio.

Questo il commento da parte del padre salesiano. “Nella nostra città, si è diffusa l'usanza di sparare fuochi d'artificio quando si rientra a casa dopo aver scontato una pena in carcere. Sarebbe bello quando ci sarà la sentenza di ergastolo per il Tamarisco organizzare una festa. Assicurare un mandante di un atroce assassinio alla giustizia è una piccola vittoria dello stato e della società civile o meglio è fare semplicemente giustizia”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"