Un 4-0 senza storia. Ineccepibile. Condito però da roventi polemiche. La Turris frana nello scontro salvezza contro il Manfredonia e scivola di nuovo ai margini della zona play-out. Uno solo il punto di vantaggio dei corallini (a quota 41 con Bisceglie e Torrecuso) sulla sestultima (Potenza ed Isola Liri a braccetto a 40 punti).

Gara in salita dopo appena nove minuti per i corallini, che pagano a caro prezzo l'uscita maldestra di Abagnale su Bozzi. Rosso al portiere corallino e penalty ai padroni di casa, che si portano in vantaggio con lo stesso Bozzi. Un episodio destinato ad avere poi pensanti ripercussioni a cavallo tra il primo ed il secondo tempo. Il raddoppio di Vergori arriva nel corso del primo dei quattro minuti di recupero accordati dal direttore di gara, Sig. Adalberto Fiero di Pistoia, con la Turris sbilanciata, alla ricerca del pari. Sette minuti della ripresa e La Porta cala il tris, profittando di un infortunio della retroguardia corallina. Il poker al 25', targato Bonabitacola, che trafigge Bertolio dopo un preciso inserimento su assist di Pellegrino.

Pur riconoscendo i larghi ed incontestabili meriti dei sipontini, la Turris denuncia a gran voce, nel post partita, un episodio che avrebbe avuto quale inopportuno protagonista il direttor di gara. Poco dopo il duplice fischio, nel sottopassaggio che conduce agli spogliatoi, il dirigente accompagnatore corallino avrebbe contestato al direttore di gara l'eccessività del rosso diretto ad Abagnale (circostanza per giunta ammessa anche dal tecnico pugliese Vadacca), ricevendo in tutta risposta una frase poi energicamente rimarcata e denunciata dal diesse Vitaglione. "Queste cose le decido io. Vi stavo aspettando". Si sarebbe rivolto in questo modo l'arbitro ad Esposito, invitando il dirigente corallino a non presentarsi in panchina alla ripresa dei giochi. 

"Un episodio allucinante - tuona Vitaglione - non mi era mai capitato di sentire un arbitro pronunciare simili parole. Ci aspettava? Non c'è nulla che possa giustificare un atteggiamento del genere. Mi auguro che vengano operate le dovute indagini su quello che è accaduto oggi. L'episodio è di una gravità inaudita. La gara? Il Manfredonia ha strameritato, ma certe decisioni, come il rosso ad Abagnale, l'hanno inevitabilmente condizionata. Contro la Virtus decisiva? Intanto mi auguro una designazione arbitrale all'altezza dell'evento".

Sulla stessa lunghezza d'onda il tecnico Giovanni Baratto. "Ineccepibile il rigore, ma l'espulsione è a dir poco assurda. L'arbitro? Parlarne dopo un 4-0 sarebbe come appellarsi a giustificazioni che non voglio assolutamente tirare in ballo, ma la verità è che la partita non ce l'ha fatta giocare. Siamo stati se non altro abili a non peggiorare la situazione, considerata la lunga lista di ammoniti".


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"