“Rischio crollo di calcinacci, umidità, aule chiuse, lavori infiniti e di facciata: le scuole di Castellammare di Stabia sono ancora all’anno zero. Attendiamo mappa e rassicurazioni sul rischio sismico, così come sta avvenendo per moltissimi Comuni in provincia di Napoli. Amministrazione comunale, basta dormire. È tempo di andare a scuola”. Così Gaetano Cimmino, leader dell’opposizione di centrodestra in consiglio comunale, nei giorni in cui gli istituti scolastici stabiesi stanno riprendendo le attività ed aule, corridoi e cortili tornano ad essere calcati da migliaia di studenti.

“Famiglie e studenti hanno bisogno di rassicurazioni sulla sicurezza, – ha continuato Cimmino – come da numerose segnalazioni pervenuteci. La scuola ‘F. Di Capua’ di via Napoli necessita di interventi urgenti a cornicioni, controsoffittature, interventi strutturali e quant’altro, non solamente di pulizia dalle erbacce. È con dispiacere che dobbiamo constatare il completo immobilismo sulla questione di amministrazione comunale e Assessorati competenti, Lavori pubblici e Scuola. Tralasciando per un attimo l’ennesimo affidamento diretto per la pulizia operata in questi giorni, c’è da sottolineare che i fondi per interventi strutturali, nazionali ed europei, ci sono ma bisogna presentare buoni progetti per beneficiarne. Invece si continua a dormire e a gestire in maniera pessima quei pochi soldi che il Comune ha a disposizione.

Non possiamo non soffermarci sulla questione del rischio sismico. In queste ore molti Comuni stanno facendo il punto della situazione individuando e risolvendo le criticità. A noi risulta che quest’opera non ha minimamente toccato le scuole di Castellammare. Se c’è una mappatura pretendiamo di esserne informati, così come bisogna fare con la cittadinanza tutta. È un tema talmente delicato su cui non si può scherzare né perdere tempo. E se la mappatura non esiste o è vecchia è necessario correre per realizzarla ex novo oppure aggiornarla.

Infine, c’è da sottolineare il dramma che stanno vivendo le famiglie della zona di ‘Postiglione’, dove la scuola del quartiere è ancora rinchiusa in un cantiere e resterà così chissà fino a quando. Se questa è la gestione dei lavori pubblici e dell’istruzione ci verrebbe solo da pregare e incrociare le dita. Ma per il bene dei cittadini, delle famiglie e degli studenti porteremo questi temi in consiglio comunale dove sindaco e assessori dovranno darci risposte esaustive”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"