“Ce la stiamo mettendo tutta per organizzare almeno una celebrazione al Molo Crocelle, ma non siamo giunti ancora ad una soluzione”.

Sono giorni di fermento per il rettore della Basilica della Madonna della Neve, monsignor Raffaele Russo. Dopo il no alla rievocazione storica del 5 agosto, un evento che si era sempre ripetuto nel tempo fin dalla sua istituzione del 1952.

A causa del covid-19, infatti, è stata cancellata la rievocazione storica del ritrovamento del quadro in mare, così come la tradizionale uscita della prima domenica dopo il 5 agosto (che quest’anno sarebbe dovuta cadere per il 9 agosto, ndr), ovvero la benedizione della Madonna della Neve a tutte le famiglie del quartiere dell’Annunziata.

E’ stato effettuato in giornata un sopralluogo di alcuni funzionari del comune di Torre Annunziata presso la Capitaneria di Porto per studiare una soluzione per la celebrazione che dovrebbe avvenire alle ore 20 al Molo Crocelle. Molti i punti da chiarire: dalle sedie con distanziamento all’installazione di un palco, fino agli ingressi e le uscite dal molo in sicurezza, evitando possibili contagi da coronavirus. A decidere sarà il prefetto e la Regione Campania, tenendo in considerazione l’aumento di contagi sul territorio e il possibile rischio dovuto ad assembramenti.

“Mi auguro possiamo superare questo momento e procedere almeno per questa celebrazione”, spera il monsignore. Confermata invece, la veglia del 4 agosto dalle ore 21.00 presso la Basilica, con tutte le accortenze del caso, e l’apertura della Basilica dalla mattina del 5 agosto, con adeguato servizio d’ordine antiassembramento. Per l’evento di Molo Crocelle, è corsa contro il tempo.

la decisione

L'annullamento