"La violenta pioggia e la grandine che la scorsa notte si è abbattuta sull'area stabiese e dei monti lattari ha causato ingenti danni a colture e serre, pregiudicando fortemente la produzione florovivaistica. Nelle prossime ore chiederemo alla Regione Campania di dichiarare lo stato di calamità naturale per il nostro settore" - è quanto dichiara in una nota Vincenzo Malafronte, presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani.

"Tantissimi nostri associati che hanno serre e campi di coltivazione in quell'area, da questa mattina stanno segnalando alla nostra segreteria i danni subiti. Purtroppo la situazione è fortemente compromessa. In questo periodo, infatti, siamo impegnati nella produzione di fiori che dovevano essere pronti per il prossimo autunno e per il ponte di Ognissanti. Una situazione che pregiudica la nostra produzione che in questo periodo stava registrando un netto miglioramento grazie alla ripresa post covid" - conclude Malafronte.