Sono 11 i piccoli di età compresa tra sei mesi e due anni identificati, grazie alle riprese video, come vittime dei maltrattamenti nell'asilo privato di Portici di cui sono accusate due maestre. Uno dei bimbi, spiegano gli investigatori, era stato messo a testa in giù nel passeggino. Gli episodi documentati dalla videocamere risalgono al periodo gennaio - marzo del 2013, quando l'asilo aveva una proprietà diversa dall'attuale, subentrata a settembre scorso.

L'elenco dei maltrattamenti include anche episodi di giocattoli lanciati sul volto dei bambini, o il caso di un piccolo che è stato tenuto fermo incastrandolo tra un banchetto e una parete. Le indagini degli agenti del nucleo investigativo della polizia locale di Portici - diretti dal colonnello Gennaro Sallusto e dal tenente Emiliano Nacar - sono partite dopo una segnalazione anonima giunta via mail.

La successiva installazione di microcamere in cinque locali dell'asilo ha permesso di acquisire i riscontri sulla base dei quali il pm Giuseppe Cimmarotta della procura di Napoli ha chiesto il rinvio a giudizio delle due indagate, S.G., oggi sospesa dal servizio, e M.C., che oggi è alle dipendenze di una scuola pubblica in Toscana. Una segnalazione sull'accaduto è stata inoltrata alla direzione scolastica regionale competente.

vai al video

Parla la direttrice della scuola

Bimbi picchiati