Ieri sera, gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il 34enne cittadino marocchino attualmente domiciliato ad Angri Youssef  Rakibe. Lo straniero, già noto per alcuni suoi precedenti di polizia, è gravemente indiziato di una rapina compiuta con un complice non ancora identificato il 28 sera a bordo di un treno delle Ferrovie dello Stato fermo alla Stazione di Napoli Piazza Garibaldi ai danni di un 17enne di Torre del Greco.

Il fatto era avvenuto alle 19,45. Due passeggeri dalle sembianze magrebine avevano avvicinato il ragazzo e dopo avergli chiesto il suo smartphone lo avevano minacciato di accoltellamento. Agguantato il telefono si erano poi dati alla fuga.

Ieri sera, i poliziotti della Sezione Volanti, nel corso di un controllo in Via Carmignani, hanno intercettato Rakibe con un sacchetto contenenti alcuni smartphone. Il marocchino alla loro vista si è dato alla fuga ma è stato raggiunto e bloccato.

L’esame del contenuto di uno dei telefoni ha consentito di rintracciare il ragazzo di Torre del Greco vittima della rapina che dopo aver descritto l’uomo telefonicamente, è stato convocato presso gli uffici della Polizia di Stato. Il 17enne ha pertanto riconosciuto il marocchino quale uno degli autori della rapina patita.

Youssef Rakibe è stato quindi sottoposto a fermo e subito condotto alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale.