Non lasciava in pace la ex fidanzata ed era arrivato anche a bruciarle l’auto. I carabinieri di Gragnano hanno arrestato un 22enne di Scafati, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura.

Il giovane è accusato di atti persecutori nei confronti della sua ex fidanzata residente a Casola di Napoli. Le indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura, hanno permesso di accertare come il 22enne, dallo scorso gennaio, ha molestato più volte la ragazza. La vittima ha accusato un perdurante stato d’ansia, che ha generato in lei anche un timore per la propria incolumità.

Oltre ai pedinamenti il giovane ha anche provocato ecchimosi e graffi all’ex, distruggendole il telefono cellulare e sottraendole anche le chiavi dell’auto.

L’escalation di minacce e aggressioni è culminata lo scorso 25 luglio, quando alla giovane è stata bruciata la vettura, parcheggiata nei pressi della sua abitazione.

Espletate le formalità di rito, il 22enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari.