Miasmi e sostanze nocive nel fiume Sarno: Michele Grimaldi chiede lumi al comune, Asl e Arpac.

Il capogruppo Democratici e Progressisti e segretario del Pd di Scafati ha presentato un’interrogazione consiliare per chiedere alcuni chiarimenti in merito alla situazione relativa ai lavori ai canali Bottaro e Casadodici. Le opere sono state progettate e finanziate dalla Regione Campania e costituiscono un’opera importante e preziosa non solo per la comunità di Scafati ma anche per la città limitrofe di Torre Annunziata e Castellammare di Stabia, da anni alle prese con l’inquinamento del fiume Sarno e della sua foce situata nella zona di confine tra le due città.

Ci sono però dei problemi: “Come spesso accade – ha spiegato Grimaldi - chi dovrebbe vigilare su quello che accade sul nostro territorio, e cioè l'Amministrazione comunale, è distratto. Nel corso dei lavori di rimozione dei fanghi, infatti, sono emersi dei canali di scolo, probabilmente di natura fognaria, e proprio in corrispondenza degli stessi i fanghi nono sono stati rimossi. Inoltre, per ragioni presumibilmente di natura tecnica, i lavori sono proseguiti creando dei blocchi che non consentono l’afflusso dell’acqua di scolo, e si sono creati da giorni degli imponenti ristagni di acqua fognaria”.

La preoccupazione è che i fanghi, ritenuti presumibilmente inquinati, con il procedere dei lavori, soprattutto ora che le temperature iniziano a salire, vi è il rischio per la salute pubblica, dovuto al probabile sollevarsi di particelle polverulente costituite da metalli pesanti quali cromo, piombo e altri, oltre a quelli microbiologici dovuti alla costante immissione in tali canali di reflui fognari urbani non depurati.

Ecco perché Grimaldi è stata formulata un’interrogazione in forma scritta, inoltrata ad Arpac, Asl, Noe e Regione Campania. “L’obiettivo – ha spiegato Grimaldi - è conoscere le ragioni di questi enormi ristagni di acque fognarie nel canale Bottaro, quali siano le procedure previste per il trattamento, l’inertizzazione e lo stoccaggio dei fanghi, e se siano previste procedure di prevenzione e controllo dei potenziali rischi sopraesposti”.

Non è la prima volta che il gruppo PD di Scafati chiede interventi per il Sarno: “Nel luglio scorso – ha concluso Grimaldi - dinanzi ad una mia proposta inerente la possibilità di installare dissuasori di velocità lungo Corso Trieste, il sindaco mi accusò di occuparmi del solo mio quartiere. Ecco, magari, se almeno si accorgesse e si interessasse di quello che succede a pochi metri dalla sua di casa, sarebbe una notizia positiva per tutta la città”.