Continuano i controlli a largo raggio disposti dal Comando Provinciale di Napoli. A setaccio il territorio di Castellammare di Stabia e i Monti Lattari, terra del patto tra le cosche dei D'Alessandro e Di Martino per dividersi i guadagni della droga. I Carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia, con il supporto dell’elicottero del 7° Elinucleo di Pontecagnano, hanno rinvenuto in località “Vena di Vincenzino” 300 piante di cannabis indica alte tra 80 e 120 centimentri, suddivise in sette diverse aree di coltivazione. I militari, dopo aver fatto una campionatura, hanno provveduto a distruggerle sul posto.

Ad Angri, invece, in località Chianiello, i carabinieri hanno rinvenuto in un’unica area di coltivazione altre 100 piante di cannabis indica, alte ben 2 metri. Anche in questo caso, le piante sono state distrutte previa campionatura. Le indagini sono ora nalizzate all’individuazione dei coltivatori