Un vasto incendio sta interessando da due giorni il territorio dei Monti Lattari, dove la Protezione Civile regionale ha domato un primo fronte e sta adesso intervenendo su un nuovo focolaio tra Lettere e Angri, con l'ausilio di un elicottero regionale oltre alle squadre di volontari. Ma gli incendi si registrano ovunque: sono dodici quelli che solo oggi stanno interessando la regione.

Lo rende noto la Protezione civile della Regione, che spiega come ieri siano stati spenti 27 incendi sul territorio.
Le situazioni più gravi si registrano ancora nel Casertano, dove si contano tre vasti incendi, tra Mondragone, Sessa Aurunca e nei comuni di Maddaloni e Valle di Maddaloni al confine con il capoluogo Caserta. Proprio nell'area maddalonese brucia da quasi 24 ore la montagna che ospita alla sommità il Santuario di San Michele Arcangelo; nella zona, come comunica la Protezione Civile, sono state evacuate alcune abitazioni ed è stata interrotta la linea ferroviaria Caserta-Maddaloni.

Un rogo partito ieri e ben visibile dalla città di Caserta, che ha già devastato decine di ettari di vegetazione. Sul posto ci sono gli uomini e i mezzi antincendio della Regione, in particolare due elicotteri e un Canadair, numerose squadre dei vigili del fuoco di Caserta, che stanno lavorando senza sosta per provare a delimitare le fiamme, che però interessano i vari versanti del rilievo.

Altro fronte preoccupante è a Mondragone, comune del litorale casertano dove sta bruciando da ieri il Monte Levagnole; qui la Regione sta operando con i volontari della Protezione civile, un elicottero e un Canadair. A Sessa Aurunca è ripreso un focolaio in una zona dove già ieri avevano lavorato per parecchie ore sono varie squadre di volontari della protezione civile e di Sma Campania, che erano riusciti a domare le fiamme con un elicottero. Il fuoco ha però ripreso vigore e stamani sono ritornati sul posto sia i volontari che i vigili del fuoco di Caserta.

A Taurano, in provincia di Avellino, si registra un vasto incendio che, in località Madonna dell'Arco, minaccia la macchia mediterranea con 600 metri di fronte del fuoco. Il Direttore delle operazioni spegnimento della Protezione Civile regionale, che sta coordinando 10 uomini, ha chiesto l'ausilio di un mezzo nazionale che è già al lavoro insieme anche ad un elicottero regionale.

La Regione fa sapere che nella giornata di ieri, solo nel casertano, sono stati impegnati oltre 70 gli uomini del sistema regionale AIB (Antincendio boschivo), mentre dai Vigili del Fuoco di Caserta rendono noto che ieri sono stati 58 gli interventi in tutto il Casertano per altrettanti roghi, anche di rifiuti.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"