È morto all'età di 92 anni l'attore Giorgio Albertazzi (nella foto). Era nato a Fiesole il 20 agosto del 1923. Mattatore fino all'ultimo, Albertazzi ha partecipato nel 2014 a 'Ballando con le stelle', il programma di Rai1 condotto da Milly Carlucci, battendo il guinness di concorrente più anziano di tutte le edizioni internazionali del programma. Nel 2015 ha calcato il palcoscenico del Teatro Ghione con 'Il Mercante di Venezia', chiudendo nel segno di Shakespeare una lunga carriera teatrale, iniziata con un'opera del Bardo, 'Troilo e Cressida', nel 1949, con la regia di Luchino Visconti.

Ed è sempre stata il teatro la passione di Albertazzi, pur avendo girato una trentina di film. Albertazzi è approdato sui palcoscenici dopo una controversa esperienza politica. Nel 1943 l'attore ha infatti aderito alla Repubblica di Salò e nel 1945, dopo la sconfitta della Rsi, è stato arrestato con l'accusa di collaborazionismo. E' stato liberato nel 1947 grazie alla famosa 'Amnistia Togliatti'. «È mancato un grande italiano, artista classico e controcorrente», ha dichiarato il premier Matteo Renzi, ricordandolo alla inaugurazione della biennale a Venezia.

Da tempo Albertazzi «era sofferente e il suo cuore ha smesso di battere alle 9». Lo rende noto la famiglia, annunciando la scomparsa del «più grande attore italiano». Vicina fino all'ultimo istante, si legge nella nota, «con amore la moglie Pia Tolomei di Lippa sposata davanti a a Valter Veltroni nel 2007 nella chiesetta sconsacrata di Caracalla, quando lui aveva 84 anni e lei 48». «Non sarà un funerale, perché il maestro desiderava così, ma un saluto agli amici. Domani, domenica alle 17, nella tenuta di famiglia alla Pescaia di Grosseto», ha annunciato la famiglia.

 

 


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"