Violato il diritto alla degna sepoltura. Presentato un esposto alla Procura del Tribunale di Parma. A inviarlo, tramite pec, l’avvocato Gaetano Aufiero, storico legale di Raffaele Cutolo, il fondatore della Nuova criminalità organizzata morto il 17 febbraio scorso nell’ospedale Maggiore di Parma.

"Credo che siano stati consumati dei reati nella gestione della vicenda successiva alla morte di Cutolo", ha spiegato Aufiero. In particolare, il penalista fa riferimento ai criteri assunti dal pm, Ignazio Vallario, per consentire alla moglie e alla figlia tredicenne di Cutolo di porgere l'estremo saluto al congiunto. "Il magistrato ha disposto il divieto di avvicinarsi alla salma e negato che sul feretro venisse posto anche un fiore o un'immagine sacra".

La visita, alla presenza di numerosi operatori delle forze dell'ordine, è durata soltanto 5 minuti. "Se tutto questo è stato legittimo e non configuri reato - ha aggiunto Aufiero – lo stabilirà la stessa Procura". Il difensore dell'ex boss censura anche le eccezionali misure di sicurezza disposte per il trasferimento del feretro da Parma a Ottaviano.

"Sono stati impegnati circa 200 uomini che per 700 chilometri, hanno scortato il carro funebre mentre la sepoltura è durata pochissimi minuti alla presenza di una decina di familiari. Il sacerdote che ha officiato la breve cerimonia è stato prelevato dalla sua abitazione pochi minuti prima dell'arrivo del feretro al cimitero di Ottaviano. Era proprio necessario - si chiede Aufiero - di disporre tutto questo per un uomo le cui condizioni di salute da mesi erano gravissime, che pesava 40 chili ed era praticamente cieco?".