Boscotrecase. Sono 6 in tutto, tra medici e infermieri, le persone iscritte ieri nel registro degli indagati per la morte ‘sospetta’ all’Ospedale ‘S. Anna e Maria e SS. Della Neve’ di Luigi Foglia, 60 anni, ex responsabile dell’Ufficio Programmazione dello Spolettificio Esercito di Torre Annunziata. Foglia è morto il 16 luglio scorso, in seguito all’improvviso aggravarsi delle sue condizioni di salute nel reparto di terapia intensiva del nosocomio boschese.

L’INCHIESTA, I NOMI. Dopo la denuncia dei familiari il pm della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, Emilio Prisco, ha sequestrato la cartella clinica dell’uomo (ricoverato in ospedale per un malore accusato nella notte tra il 14 e il 15 luglio, ndr), ipotizzando il reato di omicidio colposo a carico di sei persone.

Si tratta del primario di cardiologia dell’Ospedale di Boscotrecase Francesco di Palma, dello specialista Luigi Granato, dei cardiologi Carlo Sestri e Luca Barone, dell’anestesista Luigi Cesare Serra e dell’infermiera di Torre del Greco Angela Nocerino. Gli avvisi di garanzia della Procura si configurano allo stato come atto dovuto, in attesa di sviluppi dell’inchiesta aperta sull’ultimo presunto ‘giallo in corsia’ vissuto a Boscotrecase.

L’AUTOPSIA. Sviluppi attesi dai risultati dell’autopsia sul corpo di Luigi Foglia, svolta ieri pomeriggio alle 18:30 dai periti nominati dal pm all’obitorio di Castellammare di Stabia (alla presenza di due tecnici di parte). Decisiva per le indagini sarà la loro relazione sulle cause che hanno portato al decesso dell’ex dipendente dello Spolettificio. Relazione che sarà consegnata in Procura tra due mesi.   

"Commissione consiliare d'inchiesta"

Le parole del figlio Cosimo

Inchiesta sulla morte di Luigi Foglia