Il virus lo ha ucciso in pochi giorni. E' tra le vittime di Covid più giovani d'Italia. Filippo Di Maso aveva 19 anni ed era di Afragola. Dopo essere stato contagiato qualche settimana, fa si è aggravato velocemente, i problemi di respirazione si sono acuiti anche a causa del sovrappeso. Centinaia i messaggi di cordoglio che sono stati pubblicati sulle bacheche Facebook di amici e familiari quando si è diffusa la notizia della scomparsa. Era stato ricoverato in terapia sub intensiva, ma poi le sue condizioni sono peggiorate e alla fine e' morto dopo essere stato intubato, in Rianimazione. Il ragazzo era tra i volontari della "paranza" dei Falchi di Afragola, i fujenti devoti alla Madonna dell'Arco. Tanti gli amici sconvolti dalla notizia. "Un altro angelo volato troppo presto, un altro pezzo di città va via – scrive l'amica Tonya sul gruppo "Sei di Afragola Se…", dedicato ai residenti del comune del Napoletano – Afragola piange per via di un nemico invisibile. Ci stringiamo intorno alla famiglia Di Maso e porgo le mie condoglianze". " ‘O Chia' – scrive Pasquale, uno degli amici di sempre di Filippo – non puoi capire come mi hai distrutto il cuore, non puoi capire quanto mi manchi. Ci divertivamo da matti, quanto guai abbiamo fatto insieme, ma quante risate fino a sbattere a terra. E ora? Non ti dimenticherò mai, fai parte di me".