Sorriso sornione, sguardo deciso e quel sopracciglio all’insù divenuto ormai inconfondibile. Carlo Ancelotti ha cominciato da oltre un mese la sua avventura partenopea ma soltanto oggi ha tenuto a battesimo la sala stampa del rinnovato centro sportivo di Castelvolturno.
Vigilia di campionato per il Napoli che domani farà il suo esordio all’Olimpico contro la Lazio. L’aria che tira in città però non è delle migliori: il mercato, a detta dei tifosi, ha deluso; De Laurentiis non le ha mandate a dire, a più riprese, a tifosi ed istituzioni, polemizzando sulla campagna acquisti e puntando il dito sulla sciagurata questione e situazione dello stadio San Paolo. 
In questo clima di assoluta incertezza, Ancelotti ha fatto il pompiere, allineandosi con le idee di mercato della società e presentando la sfida insidiosa in terra capitolina: “Gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti, non dò voti ma credo che il mercato del Napoli sia stato in linea con le aspettative. Poi il giudizio lo dà sempre il campo e domani inizia a parlare, ma il giudizio finale non arriva dopo poche partite ma alla fine. Lazio? E' reduce da un campionato straordinario, fa un gioco diretto, organizzato, ha giocatori di prestanza e velocità. Sarà una bella partita, entrambe giocheranno a ritmi alti e sicuramente difficile".
Sul fronte mercato, l’ultimo giorno utile è stato scandito da due annunci: uno in entrata, l’altro in uscita. Dopo aver sostenuto e brillantemente superato le visite mediche a Villa Stuart, è stato ufficializzato l’arrivo di David Ospina: il portiere colombiano si è aggregato al gruppo in partenza dalla stazione ferroviaria di Napoli. Dopo due stagioni, infine, si è chiusa la parentesi azzurra di Lorenzo Tonelli, strappato dalla Samp in prestito con obbligo di riscatto.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"