Mancavano solo i crismi dell'ufficialità. Il futuro di Kalidou Koulibaly sarà ancora scritto d'azzurro. Ieri è stato ratificato l'accordo tra il difensore senegalese ed il Napoli: contratto nuovo di zecca, con ingaggio che sfiora i 3,5 milioni di euro, scadenza fissata al 2023 e clausola rescissoria da oltre 200 milioni. 
Un mese fa fu proprio De Laurentiis ad annunciare il buon esito della trattativa: "Abbiamo rifiutato assalti per 90 milioni per il nostro Koulibaly - dichiarò il patron a Dublino, durante il pre-partita contro il Liverpool -, ce lo teniamo stretto, lo abbiamo blindato con un nuovo rinnovo di contratto". Una strategia chiara quella di De Laurentiis: in entrata non si fanno follie, ma quantomeno, a dispetto delle altre competitor nostrane, i gioielli di casa non si toccano. 

Detto, fatto. Con buona pace di Ancelotti, a poche ore dalla sfida di Marassi, in una settimana infiammata dal sorteggio dei gironi di Champions, una iattura vera e propria per gli azzurri chiamati all'ennesima impresa visto che si ritroveranno di fronte top club quali Psg e Liverpool, senza dimenticare l'insidia serba della Stella Rossa, sorpresa dei play-off, tornata a risplendere dopo anni bui. 


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"