Si potrebbe dire che negli ultimi anni le entrate registrate in ambito di gioco abbiano raggiunto dei dati particolarmente significativi in Italia. Questo a causa dei cambiamenti a cui si è andati incontro dal primo lockdown in avanti. Gli appassionati del settore conoscono la vicenda che ha visto chiuse molte case da gioco principali, ma anche sale scommessa e sale slot per una durata significativa al punto da creare ingenti effetti sui ricavi del settore.

In seguito alla fase per così dire più critica, si è vista una rinascita delle attività, con un andamento in termini di entrate in continua crescita. Nonostante tale tendenza abbia raggiunto molte province d'Italia registrando un GGR notevole, Napoli sembrerebbe essere la città con le entrate più alte in assoluto.

Vedremo più avanti tutti i dettagli nello specifico, indubbiamente influenzati dall’attività del gioco online sviluppatasi nel corso degli ultimi due anni. D’altra parte la nascita di siti come https://www.casinoitaliani.it/ ha permesso a molti utenti di tentare la strada del gioco online, scoprendo le spesso uniche opportunità legate ad esso riservate agli utenti del web.

I dati registrati

Che l’Italia sia un popolo di giocatori non vi è dubbio. A conferma di tale affermazione vi sono i dati consultabili, essi dimostrano come Napoli in particolar modo abbia registrato una spesa al netto delle vincite (anche nota come Gross Gaming Revenue o GGR) pari a 54,4 milioni di euro, portandosi prima in classifica in quanto ad entrate ricavate dal settore del gioco. Il trend rispetto a gennaio 2022. Subito dopo vi sono Roma e Milano con un GGR pari rispettivamente di 29,8 e 20,3 milioni di euro. Fatta eccezione per Milano, le città del sud Italia occupano sempre senza dubbio i primi posti di questa classifica. Questo deriva da un fattore culturale, dallo stile di vita e anche dalle abitudini familiari. Vediamo le caratteristiche dei napoletani che sotto questo aspetto sono molto passionali.

Le tradizioni dei napoletani

In termini di gioco le abitudini dei napoletani posseggono un ruolo fondamentale nel quadro generale delle entrate. Un esempio? Il noto rituale della bolletta. Forse non tutti lo sanno, ma la superstizione dei napoletani è veramente notevole, soprattutto quando si tratta di gioco. E da qui nasce il rituale della bolletta, compiuto in maniera sistematica, esso consiste nel piazzare la propria scommessa con una cadenza di azioni sempre uguale. Soprattutto se si è già ottenuta già una vincita in passato, si tenderà a ripetere esattamente ciò che ha portato il fortunato alla vittoria, senza cambiare una virgola. 

Inoltre, la passione per il calcio e per il Napoli in particolare è molto radicata. Fin dagli anni ‘80 con la presenza di Maradona, il club azzurro è diventato un fulcro della vita partenopea. Scommettere sul calcio nel momento in cui la squadra è in campo, è un’operazione quasi obbligatoria per tutti gli appassionati. La superstizione e la tradizione rendono i napoletani un popolo di appassionati giocatori, che credono nella fortuna tanto quanto nel talento e desiderano sempre di ottenere qualche vantaggio che li aiuti nella vita.

 

(foto: Unsplash)


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"