Brutta avventura per un’imbarcazione che si è arrestata nelle acque di Torre del Greco. All’interno del natante c’erano cinque persone che hanno riscontrato una vi acqua all’interno. Subito è partita la chiamata al numero della Guardia Costiera, che si è mossa per metterli in salvo. 

Intercettati al largo del limite sud delle acque compartimentali di Torre del Greco, sono stati dapprima tratti in salvo dal dipendente mezzo pneumatico GC B66 e successivamente condotti in porto ove sono state prestate le cure del caso. Il natante, di una lunghezza pari a 7 metri con motore entrobordo, una volta posto in sicurezza è stato successivamente condotto presso il sorgitore di Torre del Greco.

In tale ottica, attraverso la presenza costante del mezzo nautico all’uopo destinato per i controlli di sicurezza balneare, il dipendente battello GC B66 ha operato una intensa attività di controllo della fascia costiera dedicata alla balneazione, affinché la sicurezza dei bagnanti non sia inficiata da comportamenti irresponsabili attraverso l’impiego di acquascooter in navigazione sottocosta. L’attività ha portato alla verbalizzazione di due soggetti intenti alla navigazione a pochi metri dalle spiagge destinate ai bagnanti.