Da meno di 3 mesi aveva aperto un punto di ristoro e, per avere le dovute autorizzazioni, non essendo in possesso dei prescritti requisiti morali, aveva dichiarato il falso.

La Polizia di Torre del Greco, dal giorno successivo all’apertura dell’esercizio commerciale, hanno svolto i dovuti accertamenti, dimostrando così che quel locale era gestito da un 36enne pregiudicato del luogo.

Nella giornata di venerdì 9 febbraio gli agenti della sezione Amministrativa del Commissariato corallino, infatti, hanno chiuso l’esercizio commerciale denunciando, in stato di libertà, il 36enne, perché responsabile di false dichiarazioni finalizzate all’ottenimento della “Scia”.

Sono in corso ulteriori accertamenti della Polizia, al fine di acclarare il coinvolgimento di eventuali soci.