Arriva il divieto di entrare negli scavi di PompeiErcolanoOplontis Stabia con zaini e borse che superino le dimensioni di 30x30x15 cm. Da quest’oggi scatta la maniera preventiva per ‘garantire la sicurezza’ dei visitatori, ma sembra chiaro che l’allarme sia legato al rinvenimento di libri islamici il giorno 9 gennaio all’interno del Foro della città di Pompei. Nella stessa giornata si svolgevano i penosi accadimenti al Charlie Hebdo di Parigi.

Avvisati tour operator, guide turistiche e scuole riguardo il nuovo divieto inderogabile che imporrà ai visitatori di depositare zaini e borse ingombranti nel guardaroba gratuito presente ai varchi di ingresso all’area archeologica di Pompei o sugli autobus di accompagnamento.

Intanto continuano le indagini passate direttamente ai carabinieri allertati nella mattina del 9 dal custode che durante le ore di servizio aveva rinvenuto i testi “Ethics of Islam” (Etica dell’Islam) e Belief and Islam (La fede e l’Islam).

LEGGI L'ARTICOLO DE LO STRILLONE SUL RINVENIMENTO DEL 9 GENNAIO

Non è chiara la vicenda, se nasca da una pura dimenticanza da parte di un visitatore di fede islamica o un effettivo collegamento all’attentato terroristico parigino. Intanto è meglio prendere provvedimenti che possono comunque risultare positivi anche per l’eventuale danneggiamento degli affreschi con urti causati dagli zaini particolarmente ingombranti. 

Ritrovati libri islamici agli scavi di Pompei