Sequestrati beni per 400mila euro ad una società di Import-Export operante nel settore dell'imballaggio e confezionamento di generi alimentari. Dalle indagini sull’attività finanziaria dell’azienda, è emerso che la società, con sede a sant’Antonio Abate, aveva omesso il versamento di alcune ritenute nei confronti dei suoi dipendenti.

Così facendo la società è riuscita a collocarsi sul mercato in una posizione di rilievo nello specifico settore commerciale distorcendo le regole della libera concorrenza.

Nello specifico il provvedimento  ha  portato  al  sequestro  di  euro  212.244,00  di partecipazioni azionarie societarie (di cui euro 15.300 di proprietà di una società olandese) e di euro 95.751,82 presso conti correnti, per complessivi euro 307.995,82, nei confronti della società e del rappresentante legale.

vai al video