Si chiama Antonio Ruggiero è di professione fà l'infermiere, al covid hospital di Boscotrecase. Ha scritto una poesia, probabilmente durante le notti infinite nei reparti dell'ospedale, a soccorrere i malati da coronavirus, "bardati" tra tubi e respiratori. 

Una poesia chevuole essere un monito, un racconto di ciò che accade all'interno di quei reparti, isolati. Isolati come le persone che vengono ricoverate, ogni giorno, perchè il virus è tornato e sta a noi fermarlo. 

La poesia

"Notte che se ne va dint o rummor e e chi fa semp a toss, notte astretta pe chi vo durmi ma bardat nun riesce a capi, notte e chi tene a freve e nun le vo passa'. Notte e chi se sbarea tussann forte e nun se sent bbuon, notte e chi tene affanno e addiventa chiù crudo, notte chien  é turmiento, e nun se po' mbriaca'. Notte che vene notte che va, passa sta freve e a chi amma aspetta'.Notte e chi sta pnsann a dje mentre se fa sta terapia.

Notte e chi o sape gia' e tutt o munn le carut ncuoll, notte e chi s accuntent mentre passa a paura, notte e chi spera semp, ca stu male po'  passa'.                     Notte che vene notte che va  faccio o tampone e chi amma aspetta'. Notte e chi sta priann a dio mentre fernescje a terapia.         

 Notte che vene notte che va, è passat sta freve a chi aggia aspetta'  notte e chi sta pnsann a dje e a chi se piglia a vita mia.  Con l affetto e l amore che ho sempre avuto per il compianto Pino. Non me ne volere, ma il tuo testo mi è piaciuto adattarlo ad una versione covid, che dedico a tutti quelli che combattono questo brutto male. Ai miei colleghi del covid hospital di Boscotrecase, dal primo all ultimo della piramide gestionale ed assistenziale. A tutt gli operatori sanitari che vivono questa fase della propria vita, come in una trincea. Forza a noi tutti e senso di  responsabilità per tutt gli altri. accussi, ognun fa a parta soje.

Buona vita e buona luce a tutti