Un’ora di attesa per veder uscire il presunto assassino di Enza Avino. L’hanno aspettato per guardarlo in viso, per scrutarlo e non ultimo per insultarlo. Ma lui, Nunzio Annunziata, ha sorpreso tutti: faccia spavalda, aria infastidita e addirittura ingiurie rivolte alla folla di curiosi: “Bastardi”.

Gli ha urlato questo, scatenando chiaramente una valanga di insulti terminati soltanto quando le due gazzelle della Compagnia di Torre Annunziata hanno imboccato Corso Umberto I, dirette al penitenziario dove è stato rinchiuso l’uomo che, per l'accusa, ha ucciso la 36enne di Terzigno.

vai al video

Il processo

Il Riesame

La fiaccolata per Enza

Il funerale

La fiaccolata

Il provvedimento

La disperazione della famiglia

Gli sviluppi

I precedenti

L'arresto

L'indagine

La dinamica dell'omicidio e la foto della vittima

L'omicidio