Nessuno sconto per le belve che uccisero Maurizio Cerrato. Poco prima delle 17 il gup del Tribunale di Torre Annunziata Fernanda Iannone ha sentenziato il rinvio a giudizio per Giorgio e Domenico Scaramella e Antonio e Francesco Cirillo. Per quest'ultimo la sua difesa aveva chiesto il non luogo a procedere, ma il giudice per l'udienza preliminare è stato di un altro avviso. Accolta in pieno, dunque, la richiesta del pm Giuliana Moccia. Costituite le parti civili che sono la famiglia Cerrato, la sorella della vittima, la fondazione Polis e il Comune di Torre Annunziata.

La prima udienza è stata fissata per il prossimo 6 maggio alla Corte Assise di Napoli II Sezione. Prosegue il percorso di giustizia per la famiglia di Maurizio Cerrato, ammazzato dalle quattro belve per un parcheggio lo scorso 19 aprile in via IV Novembre a Torre Annunziata. Tutti sono accusati di omicidio in concorso aggravato dai futili motivi. Dietro l'angolo una condanna all'ergastolo per i colpevoli di un omicidio efferato che ha sconvolto un'intera città.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

Il confronto

Il caso

Il caso