Il campanello della porta che suona. Mamma Matilde apre la porta credendo fosse suo figlio, invece era il killer pronto ad ammazzarla. Aveva denunciato gli abusi sessuali gli orrori compiuti in un sottoscala del Rione Poverelli di Torre Annunziata. Bambini di cinque, al massimo sette anni, costretti...

Questo contenuto è riservato agli utenti premium

Sei già abbonato? Effettua l'accesso



Abbonati adesso, basta 1 click!

Solo 0,70€/mese

I giovani di "Casa Matilde"

il ricordo