I carabinieri di Torre Annunziata hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale del Riesame di Napoli, su richiesta della Dda di Napoli, nei confronti di Ciro Grieco, 52enne già detenuto per altra causa, in quanto ritenuto responsabile di omicidio premeditato, porto e detenzione illegale di armi con l'aggravante delle finalità mafiose.

L'indagine ha consentito di individuare in Grieco uno degli esecutori materiali dell'omicidio di Salvatore Esposito, detto Lulluccio, avvenuto il 30 luglio 1993 a Ercolano. Quello di Esposito fu di uno degli omicidi più cruenti della faida di camorra che ha insanguinato le strade del comune vesuviano: la vittima, reggente del clan camorristico Esposito-Del Prete-Iacomino, il giorno dell'omicidio era testimone di nozze di un affiliato al clan, Lucio Di Giovanni, ucciso anni dopo in un altro agguato di matrice camorristica.

Mentre assisteva al taglio del nastro da parte della sposa, sorella di un altro affiliato al clan, venne sorpreso dai sicari mescolati tra la folla che esplosero 8 colpi di arma da fuoco a distanza ravvicinata, uccidendolo in presenza del figlio minore.