“Siamo venuti da Roma per vedere gli scavi di Ercolano e Pompei. Oggi abbiamo deciso di visitare anche Oplonti ma, della mostra degli Ori, non sapevamo nulla” oppure “Sono di Gragnano, sono venuto qui stamattina per vedere la villa di Poppea. Se avessi saputo, mi organizzavo per vedere anche la mostra degli Ori”. E’ questo lo scenario desolante che ci siamo trovati davanti questa mattina all’ingresso degli scavi di Oplonti dove, decine di turisti giunti a Torre Annunziata, erano ignari della mostra a Palazzo Criscuolo. Dando uno sguardo in giro, in effetti non possiamo dar loro torto: sia all’ingresso, sia vicino la biglietteria, non cè alcun tipo di pubblicità, né una locandina, né una brochure per pubblicizzare l’evento che si sta svolgendo, per la prima volta dopo 25 anni, a 500 metri di distanza.

Anche i dipendenti della Sovrintendenza, impegnati nelle biglietterie dei siti archeologici dell’area, sono all’oscuro. Si perché lo scenario è lo stesso anche se ci allontaniamo: come dimostrano le foto, zero locandine e zero pubblicità anche a Pompei, Boscoreale ed Ercolano. Né gli operatori, né i turisti che quotidianamente visitano le nostre zone, sanno nulla. I filmati testimoniano la totale assenza di una campagna pubblicitaria che, in base al piano economico presentato alla Regione per ottenere il finanziamento della mostra, dovrebbe costare 10mila euro (gli altri 15mila per sito web e App).

Al netto dei manifesti affissi in città (solo a Torre Annunziata, non un manifesto nelle città limitrofe) e delle poche brochure distribuite alla stampa (stampate solo in italiano su semplici fogli A4) che, ad occhio e croce, saranno costati poche centinaia di euro, ci viene da chiedere: gli altri 9mila e dispari euro, come saranno giustificati? --- CONTINUA >

A cura di Catello Germano e Raffaele Perrotta

(hanno collaborato Maria Vittoria Romano e Antonio Tortora)

vai alle foto

vai al video

Apertura straordinaria

Apertura no stop il primo maggio

Il finanziamento dell'Ente

Il commento di Alfano

La curiosità

Gli ingressi al 31 marzo

Starita: 'Mostra prolungata'

Il monito dei 5 Stelle

Gli studenti alla mostra

La nostra risposta

Niente pubblicità anche a Pompei e Boscoreale

Il commento di Osanna

Starita: 'Il palazzo sede museale permanente'

L'inaugurazione l'11 marzo

'Dopo la mostra, il museo in città'

La Regione sblocca il finanziamento

Mostra rimandata al 30 novembre

La dedica a Khaled al Assaad

Bocciato 'Le vie di Oplonti'

Approvato il finanziamento

Gli 'Ori di Oplonti'. Il commento di Irlando

La mostra degli 'Ori di Oplonti'