“Non bastano leggi e giustizia, nemmeno l’indignazione. Non si può abbassare la guardia”. La delegata alle pari opportunità del comune di Torre del Greco Iolanda Mennella ha commentato così il caso dello stupro ai danni di una 18enne avvenuto nel parcheggio della Santissima Trinità ad opera di un 24enne.

Un orrore al primo appuntamento. Consumato in pochi giorni e nato da uno scambio di messaggi sui social e finito nel più brutale dei modi con la violenza fisica.

"Ciò che è accaduto è molto grave – ha continuato Mennella - ed esprimo solidarietà e vicinanza alla ragazza. Ho fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine ma fatti come questi, dimostrano che non bastano solo le leggi, pur importanti e all'avanguardia, e le risposte punitive, che devono assicurare in maniera certa i rei alla giustizia. Non basta solo condannare e indignarsi. Non si può abbassare la guardia”.

Bisogna reagire e continuare a lavorare sul piano culturale contro la violenza sulle donne. A scuola e soprattutto con i giovani: “Ciò che ha denunciato questa ragazza conferma che bisogna smontare gli stereotipi, capovolgere le relazioni tra uomini e donne e scrivere una nuova grammatica dei sentimenti, in grado di comprendere cosa significhi volersi bene, costruire relazioni nuove tra donne e uomini, incentrate innanzitutto sul rispetto dell'altro".

(foto: Pasquale d'Orsi)

il sequestro

la storia