Orrore al primo appuntamento, sequestrata l’auto del primo sospettato. Si continua a indagare sull’incubo vissuto da una giovane vittima abbandonata in strada a Torre del Greco dopo essere stata stuprata.

Un film dell’orrore iniziato il 10 giugno con dei messaggi sui social e finito in un parcheggio a due passi dall’autostrada dove una ragazza, appena 18enne, è stata violentata da un ragazzo di 24 anni.

La polizia di Torre del Greco, guidata dal primo dirigente Antonietta Andria, ha acquisito la cartella clinica della ragazza, portata d’urgenza all’ospedale Maresca dai familiari, ai quali la vittima ha chiesto aiuto dopo l’orrore. In stato di evidente choc, la giovane è rimasta una notte in osservazione in ospedale, in attesa che possa recuperare almeno un po’ dal trauma subito.

Al presunto stupratore, attualmente in stato di libertà, è stata sequestrata l'auto sulla quale secondo il racconto della diciottenne sarebbero avvenute le violenze, una Fiat 500. Inoltre al ventiquattrenne sono stati prelevati reperti salivari per poter essere utilizzati nelle indagini.

la reazione

la storia