E’ di 1 morto e 2 feriti il primo bilancio della tremenda esplosione che ha devastato la Adler Plastic di Ottaviano.

A confermarlo è il sindaco del comune vesuviano, Luca Capasso, giunto sul luogo dell'esplosione poco dopo il boato, e da fonti del Comando provinciale dei carabinieri. Secondo un primo bilancio, quindi, le persone coinvolte sono 3: un ferito grave portato nell'ospedale di Nola, un altro, ferito lievemente, all’ospedale Cardarelli di Napoli, e la persona deceduta, V.L., 55 anni. Si teme che possano esserci altri feriti.

L’azienda aveva riaperto ieri, per effetto dell'ultimo decreto governativo e si stavano effettuando i turni con personale ridotto per il distanziamento nei luoghi di lavoro. Secondo alcuni testimoni lo scenario che si è presentato è stato apocalittico ed alcuni dipendenti, usciti indenni dalla fabbrica che produce plastica e gomma, ipotizzano che ad esplodere sia stata una bombola di gas presente nello stabilimento per le lavorazioni.

"Preoccupazione per le persone coinvolte e vicinanza alle famiglie dei lavoratori" viene espressa, in una nota, dalla Adler Plastic in merito all'incendio scoppiato oggi nello stabilimento di Ottaviano. L'azienda rende noto che "una volta assistiti i feriti e gestita l'emergenza assieme al personale sanitario, in collaborazione con le forze dell'ordine verrà fatto tutto il possibile per verificare quanto accaduto".

vai alle foto

vai al video

funerali e lutto cittadino

gli esami dell'Arpac

il commento

le precauzioni

L'esplosione