Pensionato muore di Covid dopo giorni in fin di vita al Cardarelli. Non ce l'ha fatta Mimi' Elefante, ricoverato in ospedale in condizioni critiche per gli effetti devastanti del virus. Martedì a Santa Maria la Carità proclamato il lutto cittadino. Il figlio Enrico, cinque giorni fa, aveva chiesto di essere vicino al suo papa' con il cuore. Impegnato a favore dei giovani il suo appello era stato accolto da molti a Santa Maria la Carità. Scriveva: "Oggi è pensionato, dopo molti anni di lavoro al Comune di Gragnano, e dopo aver fatto il meccanico prima e l'apicoltore poi. Una persona che -ne sono sicuro- tanti conoscono come gioviale, disponibile e generosa da sempre, dispensatore di Miele e di parole ed azioni positive per molte persone e da sempre. Posso sembrare di parte essendo suo figlio ma so di non esagerare definendolo una persona buona, onesta ed appassionata della sua terra ed innamorata della vita. Da stasera si trova in stato di incoscienza ed intubato presso il Cardarelli di Napoli". Un appello che ha commosso tanti. In molti hanno sperato potesse salvarsi, ma stasera è stato il sindaco D'Amora a dare la terribile notizia: "Ho appreso da poco del decesso di Mimi Elefante. Pochi giorni fa Enrico Elefante aveva comunicato il ricovero del papà, abbiamo sperato e pregato ma purtroppo nonostante le cure Mimi non ha superato le crisi che ha affrontato. Ci stringiamo al dolore dei familiari, consapevoli della loro perdita che è in parte anche di tutta la nostra cittadina. La disponibilità ha fatto parte del suo stile di vita e l'ha trasmessa, con il suo esempio ai figli che tanto fanno per la nostra comunità".