Sei mesi di tempo: è l’ultimatum imposto dal consigliere regionale della Campania Gennaro Oliviero al termine dell’udienza in commissione ambiente per discutere delle vasche di Pianillo e Fornillo.

In regione erano presenti i sindaci di Striano e Poggiomarino Rendina e Annunziata, i comitati “Vasca al Pianillo” e “Comitato Gente del Sarno”, tecnici e la Gori, a cui verranno prossimamente affidati i lavori per le due vasche in questione.

Confermato l’aggiornamento del piano economico degli interventi sulle Vasche Fornillo e Pianillo che ha portato il finanziamento da 18,5 a 22,5 milioni di euro. I sei mesi di tempo serviranno soprattutto a terminare i lavori al collettore Sub2, necessario al collettamento degli scarichi dei comuni di San Giuseppe Vesuviano e Terzigno.

I sindaci di Striano e Poggiomarino, Aristide Rendina e Leo Annunziata, hanno ribadito con forza la condizione di pericolo igienico sanitario che insiste sulla zona e hanno spinto per la bonifica delle vasche in questione, ma il cronoprogramma è chiaro: messa in esercizio del collettore Sub2, poi bonifica di Pianillo e Fornillo.

E poi si passerà alla zona a valle delle due vasche: è stato proprio su questo punto che hanno insistito i comitati. Orfeo Mazzella del “Comitato Gente del Sarno” ha sottolineato che “in Campania è del tutto assente una strategia di sistema per le città vesuviane e per tutti i comuni del bacino idrografico del fiume Sarno, che sappia coniugare utilmente strumenti e strutture per il drenaggio urbano sostenibile come occasione per dare risposte concrete alla eccezionale ed eccessiva cementificazione ed impermeabilizzazione dei suoli oltre che alla regimentazione idraulica”.

Probabilmente si discuterà anche di questo nella prossima audizione, in programma fra sei mesi. Ora però il primo step prevede la messa in funzione del collettore Sub2. Poi toccherà alle vasche di Pianillo e Fornillo.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai alle foto

vai al video

la nuova audizione in commissione ambiente