Una squadra unita per rivoluzionare Boscotrecase. E’ su questo che ha puntato Pietro Carotenuto, che alla sua prima esperienza da sindaco ha dimostrato attenzione e competenza anche nella scelta di assessori e consiglieri. Appena giunto ha dovuto affrontare la grana degli assenteisti al Comune, ma da quel momento ha dato una svolta alla cittadina vesuviana.

A circa quattro anni dal suo insediamento, come giudica il mandato della sua Amministrazione?

“Positivo. Abbiamo rimesso in carreggiata il Comune, partendo dall’anno Zero in tutti i settori. Nel 2016 faticavo a dire che il sindaco Agnese Borrelli aveva amministrato male, poiché non l’aveva proprio fatto. Ora siamo più vicini ai nostri cittadini. Abbiamo voluto innalzare il livello culturale di Boscotrecase in tutti i campi. Basti pensare, ad esempio, agli eventi natalizi, al DiVino Jazz Festival e al regalo ai bimbi durante il primo giorno di scuola. Ma il vero bilancio lo dirameremo alla fine del quinquennio e su quello i nostri elettori ci dovranno giudicare. Di questo devo solo ringraziare tutte le persone delle quali mi sono fidato, perché da solo non ce l’avrei mai fatta”.

PER LEGGERE L'INTERVISTA COMPLETA CLICCA QUI