La verità potrebbe arrivare solo nelle prossime ore. Le risposte a tutti gli interrogativi sulla morte della giovane di 24 anni potrebbe darle l'autopsia. Il mistero attorno alla tragica morte di Grazia Severino tende a diventare più intricato, invece di chiarirsi.

È stato un condomino a trovare la ragazza, che domani avrebbe compiuto gli anni, nei pressi di un garage a Pompei. Il suo corpo in fin di vita. Poco lontano da dove viveva con la famiglia. La Procura di Torre Annunziata coordina le indagini affidate ai carabinieri e non esclude nessun tipo di ipotesi. La ricostruzione è partita da una borsa ritrovata accanto ad una finestra del quarto piano del palazzo sopra ai box. 

Il corpo della giovane è stato trasportato in ambulanza in ospedale a Castellammare, dove la giovane è morta. Gli inquirenti non escludono che la ragazza possa essere caduta o si sia lanciata nel vuoto. Ma il pubblico Ministero di Torre Annunziata, Barba, ha in queste ore ascoltato amici e parenti per cercare di ricostruire la vicenda. Sul suo corpo tracce di ferite da taglio e lesioni interne che farebbero pensare ad un'aggressione e ad una violenza sessuale. Ma la sua morte al momento resta un giallo.

il manifesto

il dolore dei parenti

Il punto di vista

L'ipotesi

l'orrore

La tragedia