Abusi edilizi risalenti all'anno 1994 in un'area sottoposta a stringenti vincoli ambientali e paesaggistici. A distanza di più di 20 anni è stato demolito il manufatto abusivo costruito in via Casone, nel comune di Pompei. 

Nell'ambito dell'attività di contrasto al fenomeno dell'abusivismo edilizio che costituisce una delle priorità dell'azione della Procura della Repubblica, in esecuzione di un ordine di demolizione emesso dal Tribunale di Torre Annunziata, si è proceduto alla demolizione di un manufatto abusivo con strutture portanti avente una superficie di ca mq. 153 ed un volume complessivo di mc. 581, ubicato nel Comune di Pompei alla Via Casone.

Il manufatto demolito insisteva su di un'area gravata da stringenti vincoli paesaggistici ed ambientali, ricadente nella "zona omogenea El " (zona di uso agricolo "E").

L'esecuzione delle demolizioni delle costruzioni illecite disposte dall'autorità Giudiziaria rappresenta, per la tutela del territorio, uno strumento insostituibile sia in chiave repressiva, per il ripristino delle condizioni ambientali violate, sia in chiave preventiva, per l'efficacia dissuasiva nei confronti dell'abusivismo edilizio; nel caso di specie si è data esecuzione ad una condanna relativa ad abusi risalenti all'anno 1994.

Grazie anche alla incessante opera di sensibilizzazione posta in essere da questo Ufficio, la suddetta demolizione ha avuto luogo da parte del proprietario del manufatto abusivo, in regime di autodemolizione, senza anticipazione di spese da parte del Comune interessato e della Cassa.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai alle foto