Nodo di interscambio tra Ferrovie dello Stato e Eav: parte la progettazione che sarà realizzata nell’area a valle degli Scavi di Pompei.

Un’opera finanziata con 33 milioni di euro e sarà progettata da RFI con il contributo tecnico di Eav. Un “hub” ferroviario programmato nell'ambito del Piano strategico per lo sviluppo del territorio circostante i siti archeologici Unesco e che vede il contributo programmatico del Ministero Beni e Attività Culturali - Unità Grande Pompei, della Regione Campania e del Comune di Pompei.

La priorità sarà concentrata sulla realizzazione di una interconnessione ferroviaria a Pompei tra la linea RFI Napoli - Salemo e quella EAV (ex Circumvesuviana) Napoli - Sorrento.

“L’opera – ha spiegato Mario Casillo, capogruppo Pd in Regione Campania e delegato al Grande Progetto Pompei - contenuta nell’ampio piano della Buffer Zone del Grande Progetto Pompei, ha come finalità quella di migliorare l'accessibilità ai siti di interesse turistico e allo stesso tempo favorire una sostenibilità ambientale che fa leva sul miglioramento del trasporto pubblico su ferro al fine di ridurre il traffico veicolare nell'area vesuviana fino a Sorrento. In questo modo la Penisola Sorrentina potrà essere raggiunta in treno anche da Salerno”.

L'obiettivo primario è quello di potenziare il trasporto pubblico su ferro e migliorare l'accessibilità e l'interconnessione dei siti di interesse culturale e turistico vesuviano costiero, sfruttando la rete infrastrutturale esistente.

vai alle foto