Visita degli attivisti di “Napoli Animal Save Movement” al mattatoio di Pompei. Intorno alle 4,30 l’associazione ha voluto documentare la sofferenza degli animali trasportati presso la “CSM Soc. Coop. Asl”.

E’ così partito dalla città mariana il mese dedicato alle veglie organizzato proprio dal gruppo locale di Napoli e invita tutti gli attivisti e cittadini a prenderne parte. L’iniziativa si è diffusa sui social con l’hashtag di “Vigil Month”.

Nonostante la zona arancione, i partecipanti alla veglia hanno seguito le linee guida di sicurezza Covid-19, incluso indossare sempre le mascherine, osservare le distanze sociali, usare disinfettanti per le mani.

All’arrivo del primo camion che porta gli animali al macello, i manifestanti hanno mostrato cartelli chiedendo agli autisti di fermarsi. Il camion trasportava vitelli. Alcuni attivisti si fermano ai lati del camion per dare da bere e prendersi cura degli animali in viaggio da molto tempo, il camion infatti arrivava da Modena.

Dalle foto diffuse anche sui social, si vede che questi vitelli hanno la bava alla bocca e gli occhi rossi, stressati dalle ore di viaggio e impauriti perché non riescono a capire dove si stanno recando. Ammassati gli uni vicino agli altri, nelle loro stesse feci.

La veglia organizzata da Napoli Animal Save Movement fa parte della testimonianza, nella quale è raccomandato di avvicinarsi volontariamente e incontrare la sofferenza degli animali per sentire un’empatia più profonda verso miliardi di individui maltrattati e uccisi annualmente dagli umani.