Nella stesura del nuovo piano triennale anticorruzione ho lavorato in solitudine, fatta eccezione per la collaborazione di alcuni dirigenti, sebbene fosse un lavoro aperto a tutti. La sostanziale indifferenza non mi fa piacere”. Un duro monito che ha riecheggiato in una sala comunale pressoché deserta. È quanto accaduto nell’ultimo consiglio comunale di Pompei. Un discorso durato pochi minuti, quello della segretaria comunale Carmela Cucca, durante il quale ha ripercorso i suoi ultimi due mesi di lavoro per ottemperare alle direttive dell’Anac.

“Attraverso il sito istituzionale ho avvisato che l’Ente si apprestava a varare il piano 2016-2019 che getta le linee guida dell’anticorruzione e della trasparenza, così come previsto dalla legge 190 del 2012. Ho chiesto a tutti di poter partecipare alla redazione del testo, avvisando i consiglieri, la giunta e le associazioni di categoria attraverso delle pec. Ovviamente era aperto anche al contributo dei cittadini i cittadini. Non è pervenuto alcun suggerimento”. I consiglieri di maggioranza, gli unici presenti, sono rimasti in silenzio ed a fine discorso hanno votato l’approvazione del piano triennale.

Un’assise durata 22 minuti, il tempo dell’appello per segnare l’assenza dell’opposizione, un mini discorso del sindaco Uliano fatto a sala vuota ed una sequela di alzate di mano senza alcuna discussione. Risultato, l’approvazione all’unanimità di tutti i punti all’ordine del giorno di cui altri 4 debiti fuori bilancio e, degna di nota, il ‘si’ per la cittadinanza onoraria al professor Mario Torelli, già vincitore del Premio Internazionale Maiuri.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"