Lo Sapio applica il distanziamento sociale ai suoi neuroni, piuttosto che applicare il distanziamento fisico. Si vergogni per quello che sta facendo al Forum dei Giovani, ai quali va la mia piena solidarietà”.

E’ il duro commento di Domenico Di Casola, consigliere comunale di Pompei. Una reazione e che arriva il giorno dopo le dichiarazioni dell’assessore alle politiche Giovanili Troianiello. “Obbrobriose e prive di fondamento le sue dichiarazioni – ha rincarato il consigliere comunale di Pompei Viva Salvatore Caccuri –. Vorrei capire come abbiano fatto a dichiarare la sede del forum giovani unico luogo adatto, visto che non avevano nemmeno le chiavi. Tra l’altro, l’assessore ha mentito anche sulle circostanze dell’incontro con il presidente del forum. L’assessore non solo mente, ma dà anche del bugiardo ad un giovane.

Ma il nodo centrale riguarda anche i lavori di ristrutturazione dell’edificio. L’assessore ha spiegato che gli interventi furono fatti con soldi pubblici e da un dipendente pubblico durante l’orario di servizio, ad un costo di 18mila euro circa. “Dei costi totali di cui ci saremmo aspettati una determina o altri documenti probatori - ha continuato Caccuri - deve poi interrogare i dirigenti che davano mandato per l’acquisto dei materiali presso i fornitori dell’ente. I ragazzi utilizzavano i materiali che gli venivano messi a disposizione senza sapere nemmeno da dove provenissero d'altronde erano impegnati a fornire manovalanza gratuita. E con i soldi che il sindaco ha speso per ristrutturare il suo nuovo ufficio, comprensivo di arredo e due fasce tricolore, avrebbe potuto ristrutturare, circa due o tre volte, la sede della Croce Rossa”.

Caccuri si unisce quindi al coro di protesta sul caso della sede del Forum Giovani: “Nessuno vuole strumentalizzazioni, ma prima di rendere pubbliche certe dichiarazioni- ha concluso Caccuri - l’Assessore avrebbe potuto assolvere ai suoi doveri convocando i ragazzi del Forum prima che l’ordinanza fosse firmata per trovare una soluzione. Visto il modo in cui si rivolge ai giovani cittadini, ritenendoli dei bugiardi, e le sue lacune in materia di politiche giovanili, forse dovrebbe rinunciare a questa delega”.

la situazione